Rassegna stampa

Rassegna stampa italiana e estera

Ufficio stampa del Senatore Claudio Micheloni

Presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all'Estero

Senato della Repubblica - Palazzo Madama - 00186 Roma


"APPROVATO EMENDAMENTO OMNIBUS PER GLI ITALIANI ALL'ESTERO" 

Comunicato congiunto dei Senatori Micheloni, Giacobbe, Turano, Di Biagio, Longo e Sangalli

In prossimità della conclusione del primo passaggio della Legge di Bilancio al Senato, desideriamo informare i cittadini sui risultati conseguiti nei capitoli di spesa concernenti le comunità italiane all’estero. Consideriamo molto soddisfacente il lavoro svolto in fase emendativa, di concerto con il Governo e il MAECI, non solo perché sono stati recuperati fondi aggiuntivi, ma soprattutto perché buona parte di essi, quali quelli per la promozione della lingua e cultura italiana all'estero, per l'adeguamento salariale dei contrattisti, per le agenzie di stampa, hanno carattere strutturale, dunque andranno a integrare stabilmente nei prossimi anni la dotazione finanziaria relativa ai capitoli di spesa sopra citati. 

Leggi tutto...

Comunicati - Rassegna stampa

Di seguito l'intervento del Sen. Di Biagio, replica al riscontro del sottosegretario Della Vedova all'interrogazione presentata dal Sen. Biagio in merito al progetto di dismissione delle strutture di rappresentanza consolare a Monaco di Baviera.

Signor Presidente, ringrazio il sottosegretario Della Vedova per la relazione su un tema che raramente è oggetto di confronto parlamentare, malgrado il numero di atti presentati sia da me che dal senatore Micheloni.
Potremmo definirlo il «paradosso di Monaco»; vale a dire la scelta di dismettere le strutture di rappresentanza, rimodulandone le potenzialità in un momento storico-sociale in cui la domanda di servizi cresce in maniera esponenziale, anche in virtù - lei l'ha segnalato molto bene - degli esiti della Brexit. Sarebbe, però, opportuno porre l'accento sulle altre criticità funzionali del consolato di Monaco che facevano parte della mia ben più articolata interrogazione, che si collocano oltre la dismissione e rendono ancora più complessa l'ipotesi di intervento immobiliare sulla rappresentanza. La chiusura nel 2014 dello sportello di Norimberga, che serviva circa 32.000 connazionali, ha condotto all'assorbimento del bacino di utenza da parte di Monaco, presso la cui struttura però è stata anche operata una riduzione del personale. Questi elementi sono stati segnalati più volte nel corso degli anni, tanto da condurre il sottoscritto insieme ad altri, come il collega Micheloni, a suggerire l'individuazione di un interlocutore consolare nelle città satelliti di Monaco, in primis Norimberga, dove tra l'altro esiste una struttura a uso gratuito per eventuali installazioni, al fine di alleggerire la mole di lavoro di Monaco e agevolare le migliaia di cittadini che da Norimberga e zone limitrofe sono costretti a dirigersi a Monaco, percorrendo anche 300 chilometri, per un semplice rinnovo di passaporto. Risulta, inoltre, che al momento sia di circa sei mesi il tempo di attesa per un rinnovo passaporto. Certamente leggendo gli annuari statistici della Farnesina emerge una riduzione dei servizi resi dal consolato, quasi si trattasse di una domanda che si riduce. Si omette, invece, che il ridimensionamento è correlato alla riduzione di unità di personale, che ridotto opera sicuramente in misura minore.

Leggi tutto...

Comunicati - Rassegna stampa

Dalle ore 9, del 14 settembre 2017, il Comitato permanente sugli Italiani nel mondo e la promozione del sistema paese, presso l'Aula della Commissione Esteri, ha svolto l'audizione del direttore generale per gli italiani all’estero e le politiche migratorie del Maeci, Ministro Plenipotenziario, Luigi Maria Vignali.

Clicca per vedere la registrazione...

 

 

 

Comunicati - Rassegna stampa

Interrogazione a risposta scritta

Al Ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, per sapere premesso che,

Nel 2016 sono cambiate le regole concernenti il visto A2 concesso dagli USA di interesse degli impiegati a contratto italiani non in possesso di permesso di soggiorno;

in base a tale cambiamento tali impiegati a contratto potranno risiedere sul territorio degli Stati Uniti d’America per non più di 5 anni, passati i quali i visti non saranno più rinnovati;

Leggi tutto...

Comunicati - Rassegna stampa

ROMA\ aise\ - Senatori eletti all’estero, Aldo Di Biagio (Ap) e Claudio Micheloni (Pd) hanno presentato una interrogazione ai Ministri degli esteri e dell’Economia, Alfano e Padoan, in merito ai mancati adeguamenti degli stipendi di alcuni impiegati a contratto nelle sedi della Farnesina in Germania Francia e Olanda.
“Risulta all'interrogante che il MAECI abbia confermato ai sindacati che il personale a contratto italiano assunto prima del 1997 ed operativo presso le sedi diplomatico-consolari di Germania, Francia e Olanda sarà escluso dal provvedimento di aumenti proposto dalla DGRI agli organi di controllo malgrado fosse stato già previsto un esiguo adeguamento pari al 2% e non risulti un intervento compensativo sulle retribuzioni da ben 14 anni”, si legge nella premessa. “Il MAECI avrebbe evidenziato che la suddetta risultanza fosse attuativa di quanto deciso dall’Ufficio Centrale del Bilancio (UCB), malgrado la sussistenza di specifiche tabelle e dati ad esso forniti dalle rappresentanze diplomatiche presenti nei paesi in questione che giustificherebbero una decisione di tutt'altro trend e percentuali, in ragione del fatto che l'organo di controllo rifiuta a priori la concessione di aumenti a personale a contratto italiano assunto prima dell'1.1.1997”.

Leggi tutto...

Comunicati - Rassegna stampa

Pagina 1 di 62

Area riservata agli iscritti

convenzione trenitalia