BATTAGLIA: VISITE MEDICHE, LICENZIAMENTI, CONTINUI ATTACCHI AL LAVORO PUBBLICO. FORSE SERVE PER NON PARLARE DI RINNOVI CONTRATTUALI?

«A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si indovina -diceva qualcuno-; allora forse il governo intende sviare l’attenzione collettiva su questioni marginali del pubblico impiego come malattie o licenziamenti per non affrontare le proprie responsabilità, quali il rispetto dell’accordo sindacale del 1 dicembre u.s. e la sentenza della Corte Costituzionale n. 178/15 che ha dichiarato illegittima la prosecuzione del blocco dei contratti di lavoro. Forse il governo» afferma Massimo Battaglia, Segretario Generale della Federazione Confsal-UNSA «vuole allungare il brodo così da non iniziare le trattative dei rinnovi contrattuali e arrivare tranquillamente alle prossime elezioni, demandando così al prossimo governo l’onere di risolvere la vertenza nel pubblico impiego nel 2018».

«Questa sarebbe un’ennesima violazione della democrazia di questo paese, inaccettabile sia politicamente e sia socialmente» afferma il Segretario Generale che aggiunge

«Siamo davanti ad attacchi volti a gettare altro fango sui lavoratori pubblici. Bene i licenziamenti per chi truffa lo stato e la collettività: il sindacato –almeno il mio- non difende queste situazioni. Ma basta parlare solo dei furbetti del cartellino, senza affrontare il vero problema che è l’impoverimento di tutta la categoria e delle rispettive famiglie. Per questo si riapra senza ulteriore indugio il contratto per più di 3 milioni di lavoratori che lo stanno aspettando dal 2010» così prosegue il Segretario Battaglia che conclude

«La politica deve ripartire dallacentralità della persona, del lavoratore e delle famiglie. Solo questo serve per ricostruire un paese. Basta con gli attacchi mediatici al lavoro pubblico. Il governo ci convochi e ci dica cosa intende fare».

Care Colleghe,

Cari Colleghi,

 

vi segnaliamo che è stato pubblicato sulla INTRANET / MAENET il bando per le progressioni economiche per il personale delle AA.FF. E’ possibile presentare fin da subito la domanda di partecipazione esclusivamente on-line, tramite “Mia Scrivania”, dove è reperibile il modulo precompilato alla sezione “Modulistica”.

Leggi tutto...

Assunzioni 2017 presso la Sede Centrale Informativa In data 19 gennaio u.s. ha avuto luogo un’informativa alle OO.SS in tema di assunzioni di Aree Funzionali nel corso del 2017. Per quanto attiene alla II Area, l’Amministrazione procederà ad assumere, in applicazione della normativa vigente, ca. 20 unità di personale proveniente dalle Province e dalla Croce Rossa Italiana nonché una quota di lavoratori disabili....

Leggi tutto...

Da “Italia chiama Italia” del 12.01.2017:

Santo Domingo, dall’ambasciata che non c’è all’ambasciata a metà

Per i connazionali della Repubblica Dominicana la buona notizia è che l’ambasciata d’Italia a Santo Domingo riapre davvero. Ma c’è anche una notizia cattiva…

di Ricky Filosa -

giovedì 12 gennaio 2017

  Santo Domingo, Repubblica Dominicana

Ma l’Ambasciata d’Italia a Santo Domingo riapre davvero a Febbraio? E’ questa la domanda che si pongono tanti connazionali residenti nella Repubblica Dominicana in queste settimane. Vi diamo subito la risposta: sì, l’Ambasciata riapre. Esiste il decreto di riapertura firmato dal presidente della Repubblica Italiana, come è noto. Ma c’è di più.

Leggi tutto...

Altri articoli...

  1. RAINEWS24: Tessere fantasma, bufera sul sindacato: commissariata la FP Cisl
  2. Rinnovo CCNL: Dalla Piattaforma UNSA all'Accordo col Governo
  3. PENSIONI: NOVITA' DAL 1° GENNAIO 2017
  4. Comunicato n. 1/2017: Il sonno della Ragione crea mostri il sonno dello Stato crea illusioni di soluzioni nonché opportunità agli opportunisti
  5. Comunicato di fine d’anno
  6. BATTAGLIA: “BENE L’ACCORDO, ORA IL CONTRATTO”
  7. R.I.P. : Alessandro Philipp Scorsone
  8. Battaglia (UNSA) e Carbone (FIALS): disponibilità del governo sul pubblico impiego
  9. Battaglia: contratti PA, in attesa delle cifre della legge di bilancio, Renzi nuovamente condannato
  10. Battaglia: PA contratti – 900 milioni in legge di stabilità, una mancia inaccettabile

Pagina 4 di 195