blocco contratti - tribunale caltanissettaBATTAGLIA: “BLOCCO CONTRATTI P.A. – GOVERNO CONDANNATO ANCHE DAL TRIBUNALE DI CALTANISSETTA”

«Il Tribunale di Caltanissetta si aggiunge alla lista dei Tribunali che hanno già condannato il governo in relazione ai procedimenti intentati dall’UNSA e dai suoi iscritti per contrastare giudiziariamente le norme che bloccano i contratti del pubblico impiego, e che hanno portato alla storica sentenza della Corte Costituzionale del luglio 2015» rende noto Massimo Battaglia, Segretario generale della Federazione Confsal-UNSA.

 «Il Giudice nisseno, nel riconoscere le ragioni dell’azione giudiziaria dei ricorrenti e dall’UNSA e tenendo conto che tali ragioni sono state riconosciute in primis dalla Corte Costituzionale, ha condannato lo Stato al risarcimento delle spese».

«Ci sono ancora più di 70 ricorsi pendenti in tutta Italia e ci aspettiamo altre condanne per chi sta distruggendo il lavoro pubblico. È ora che il governo prenda atto di essere totalmente inadempiente sia sotto il profilo politico che giuridico/giudiziario e che apra immediatamente le trattative per i nuovi contratti, individuando risorse adeguate per il personale e il lavoro pubblico e inviando l’atto di indirizzo all’Aran»

Tomat Clelia clean
Clelia Tomat

17.09.1963 – 28.03.2016

E’ con grande dolore e commozione che comunichiamo l’improvvisa scomparsa della nostra amata collega, nonché responsabile di sede UNSA presso il Consolato d’Italia in Maracaibo, Clelia Tomat.

Clelia lascia la sua ragione di vita, sua figlia di 17 anni, oltre che una famiglia meravigliosa e tanti, tanti colleghi che hanno avuto la fortuna, negli anni, di conoscerla e di lavorare con lei.

Il suo attaccamento al lavoro, la sua correttezza, la sua disponibilità ad attivarsi sindacalmente a favore delle lavoratrici e dei lavoratori della sua Sede, resteranno tratti indelebili della sua persona dai quali trarre quotidianamente esempio. Il suo amore per la sua famiglia e per la sua città d’origine, Venzone (UD), erano ben palpabili per chiunque entrasse in contatto con lei.

Siamo profondamente addolorati e scossi da questo triste evento che ci colpisce come un fulmine a ciel sereno. Ai parenti ed ai colleghi della sede presso cui Clelia ha lavorato per molti anni, porgiamo le nostre più sentite condoglianze, unendoci al loro dolore.

Roma, 30 marzo 2016

CONFSAL UNSA Esteri

seriet onest coerenza

SERIETA’, ONESTA’ e COERENZA.

SIAMO IL SINDACATO DELLE LOTTE CHE SI POSSONO VINCERE.

NON DELLE FACILI PROMESSE !

In queste ultime settimane stanno circolando sia nei Ministeri che nella Sanità Pubblica iniziative ricorsuali tendenti a recuperare migliaia di euro per il blocco dei contratti della Pubblica Amministrazione.

Se tutti volessimo strumentalizzare la rabbia che c’è in tutti i lavoratori pubblici per aver subito un ingiusto blocco contrattuale dal 2010, alimentando speranze nei lavoratori con ricorsi di vario tipo, tutti sapremmo ben atteggiarci a paladini della libertà e della democrazia.

Purtroppo molte di queste iniziative sono un fumus dietro cui si nasconde una verità che non viene presentata con la stessa propaganda invece riservata alle iniziative stesse, vale a dire riguardo alla loro efficacia. In pratica sono iniziative tendenti a raggiungere diversi e non sempre nobili obiettivi e nel fare questo giocano con una situazione economica già difficile per il lavoro pubblico.

Per serietà abbiamo richiesto un parere legale all’avv. Pasquale Lattari, che ci permettiamo di allegare alla presente. Con dispiacere, ma con onestà e coerenza, il nostro avvocato che ha curato e vinto il ricorso alla Corte Costituzionale ci spiega nelle conclusioni che tali iniziative ragionevolmente non potranno che essere rigettate.

Aggiungiamo solo per informazione e con rammarico che la sentenza della Consulta non riconosce alcun risarcimento o indennità per i periodi pregressi e che accerta il diritto agli aumenti contrattuali a decorrere solo dal 30 luglio 2015. In conseguenza di ciò, già le ultime sentenze dei giudici di Reggio Emilia e Parma confermano che i lavoratori dovranno aspettare solo ed esclusivamente l’apertura dei contratti tra Governo e OO. SS., poiché l’incremento delle retribuzioni dei lavoratori – come chiarisce la Corte Costituzionale - è collegato in modo inestricabile all’attività di negoziazione tra datore di lavoro e rappresentanti dei lavoratori, e  – purtroppo - non dei giudici.

Per concludere, invitiamo tutte le nostre strutture a divulgare la presente al fine di tutelare i lavoratori iscritti. 

Roma, 22 marzo 2016

Il Segretario Generale UNSA Confsal Massimo Battaglia

Il Segretario Generale FIALS Confsal Giuseppe Carbone

Download this file (2016-03-22 comunicato UNSA - FIALS.pdf)2016-03-22 comunicato UNSA - FIALS.pdf   405 Kb
Download this file (parere avv pasquale lattari.pdf)parere avv pasquale lattari.pdf   2404 Kb

m battaglia  segretairo generaleBATTAGLIA: “BLOCCO CONTRATTI P.A. – DAL TRIBUNALE DI PARMA ENNESIMA CONDANNA AL GOVERNO”

«Il Tribunale di Parma ha condannato nuovamente il governo al risarcimento delle spese riguardo al ricorso promosso da questa Federazione sull’illegittimità del blocco dei contratti» rende noto Massimo Battaglia, Segretario generale della Federazione Confsal-UNSA.

«Ormai è un dato di fatto: mentre il governo continua a tentennare sulla riapertura della trattativa per il rinnovo dei contratti nella PA i giudici continuano a condannarlo».

Battaglia esprime «soddisfazione per l’ennesima vittoria contro questo governo che non rispetta ancora le sentenze della Corte Costituzionale» e rilancia «Renzi e Madia stanno sperperando denaro pubblico perché espongono lo stato italiano a continue condanne emesse dai tribunali italiani; e la cosa è destinata a peggiorare visto che circa 75 nostri ricorsi sono ancora pendenti. Potrebbero usare questi soldi per rinnovare i contratti».

Battaglia conclude «Chiediamo una pronta apertura dei tavoli negoziali e l’individuazione di risorse adeguate per i rinnovi per rispondere ai milioni di lavoratori pubblici che rivendicano una giusta retribuzione, ricordando al Governo che i dipendenti pubblici sono i primi a volere una nuova pubblica amministrazione in cui siano ben chiari diritti e doveri reciproci e che sia adeguata alle esigenze del Paese, dei cittadini e delle imprese»

Altri articoli...

  1. FORMAZIONE: Progetto di ampliamento delle competenze professionali
  2. CARTA "AT" ELETTRONICA PER TUTTO IL PERSONALE MAECI
  3. Riforma contrattuale Brasile
  4. BATTAGLIA: “BLOCCO CONTRATTI P.A. – IL TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA CONDANNA IL GOVERNO”
  5. CONFSAL-UNSA: I VERI DATI SUI LICENZIAMENTI PUBBLICATI DA "IL TEMPO"
  6. DATI EFFETTIVI LICENZIAMENTI PUBBLICO IMPIEGO
  7. UNSA ESTERI: COMUNICATO ATTIVITA' 2015
  8. Video - attività dell'UNSA anno 2015 - buone feste
  9. VALUTAZIONI SCIOPERO 4 DICEMBRE 2015
  10. APPELLO SEGRETARIO GENERALE M. BATTAGLIA PER 28 NOVEMBRE 2015

Pagina 10 di 194