Comunicato stampa
 
UNSA ESTERI – RISOLUZIONE LA MARCA NON CENTRA IL PROBLEMA  E ALLONTANA IL FOCUS DALLA CRISI REALE DELLA RETE ESTERA DEL MAECI. LE SOLUZIONI SONO BEN ALTRE
 
“Nessuno mette in dubbio il ruolo dei consolati onorari nel mondo, ma accostare l’ipotesi di un loro potenziamento come exit strategy per l’attuale crisi funzionale della rete del MAECI all’estero rischia di veicolare un messaggio confuso e distorto circa lo stato di salute della stessa, oltre che fornire una soluzione bizzarra, sia sotto il profilo formale che sostanziale, ad una criticità endemica la cui soluzione deve rintracciarsi esclusivamente in due percorsi complementari ed inderogabili:
 
incremento delle assunzioni, sia di personale di ruolo che di impiegati a contratto ed incremento delle risorse per il personale, segnatamente per quanto attiene il riadeguamento stipendiale in alcuni casi fermo da un decennio”.
Lo dichiara in una nota Iris Lauriola, segretario nazionale della CONFSAL-UNSA Esteri.
“I limiti della rete estera in termini di operatività e qualità dei servizi rappresentano da anni un tema complesso e multilivello, conseguenza delle drammatiche politiche di razionalizzazione portate avanti negli ultimi anni, - spiega Lauriola - in combinato disposto con il blocco del turn over che ha alimentato le vacanze di organico nelle nostre sedi, soprattutto in quelle dove la domanda di servizi è cresciuta in maniera esponenziale con l’aumento del numero dei connazionali emigrati. A ciò si aggiungono gli effetti drammatici dall’emergenza pandemica”.
 
“Purtroppo la risoluzione depositata dall’On. La Marca non cita e non approfondisce le ragioni dell’attuale crisi della rete del MAECI all’estero – continua Lauriola – e di conseguenza non individua un percorso risolutivo, coerente con la disciplina, ma suggerisce – di contro - una deroga alla stessa, chiedendo al Governo, di abdicare alle preminenti funzioni dello Stato a favore di un soggetto con incarico onorifico”.
 
“Puntare sul rafforzamento della rete dei consolati onorari, sull’implementazione delle loro funzioni e l’incremento delle risorse a questi destinate significa attuare una grave deresponsabilizzazione dello Stato – spiega Lauriola – che in questo modo subappalta ad un privato - spesso non cittadino - le sue funzioni, in deroga ai principi di trasparenza e correttezza dell’azione amministrativa. Tra l’altro – aggiunge Lauriola  - un incremento delle risorse da destinare ai consolati onorari comporterebbe nei fatti uno svilimento della ratio che sottende l’ istituto, poiché ai sensi della disciplina vigente, l’incarico è conferito a titolo esclusivamente onorifico e gratuito, sebbene sia previsto un rimborso. Pertanto non si può pensare di ristorare qualsivoglia onere o iniziativa poiché rischierebbe di trasformare il “rimborso” in una vera  e propria “retribuzione”. Tanto vale assumere i consoli onorari previa legittima procedura concorsuale”.
“L’istituto del console onorario, specificamente disciplinato sotto il profilo internazionale oltre che nazionale, - conclude Lauriola - è complementare e non alternativo alla suprema funzionalità della struttura diplomatico consolare oltre confine. Pertanto ogni ipotetico accostamento di questo istituto a quello della rete estera del MAECI nella prospettiva di una sovrapposizione o di un’amplificazione della sua funzionalità risulta totalmente privo di legittimità. Chiediamo al Governo e alla Commissione esteri della Camera di affrontare seriamente questa risoluzione, ricalibrandone la portata e le aspettative e coinvolgendo quanti più soggetti competenti nell’ambito delle prossime audizioni, al fine di non autorizzare un precedente assolutamente pericoloso per l’azione amministrativa”.
 
Roma, 02.05.2021
 
CONFSAL UNSA Coordinamento Esteri

Festa lavoratori 2021 ESTERO

 

Cari amici,

il primo maggio è la festa del lavoro e dei lavoratori.

Abbiamo scelto una ricorrenza così speciale per lanciare una grande avventura editoriale, forse unica. Si tratta di PA Magazine, attraverso cui vogliamo parlare del mondo del lavoro pubblico (ma non solo) in modo nuovo grazie alla competenza dei suoi giornalisti professionisti e sempre con onestà intellettuale.

E’ l’editore di PA Magazine a lanciare questa grande sfida. Si tratta della Confsal-UNSA, sindacato autonomo –ci tengo a precisarlo-, rappresentativo del comparto delle funzioni centrali.

Attraverso questa iniziativa editoriale – insolita per un sindacato-, la Confsal-UNSA intende essere protagonista del cambiamento non solo attraverso lo strumento tradizionale della propria partecipazione ai tavoli politici, ma anche ampliando il suo raggio di azione, creando e facendo circolare cultura, pensiero, riflessione, al fine di contribuire anche a superare i cliché che attanagliano il mondo del lavoro pubblico e che spesso ne limitano la crescita e lo sviluppo.

Siamo convinti che le riforme, quelle che durano e quelle che migliorano possano realizzarsi solo se le criticità sono risolte da soluzioni individuate grazie ad una grande passione, ad una profonda competenza e alla capacità intrinsecamente democratica di condividere, partecipare e dialogare.

La sfida è quella di offrire a tutti Voi Lettori un prodotto di eccellenza nel panorama editoriale italiano. Pa Magazine vuole divenire un punto di riferimento per tutti coloro che vogliono capire meglio la pubblica amministrazione e i suoi cambiamenti, siano essi politici, amministratori, lavoratori pubblici o cittadini.

E tutti siete chiamati, se lo vorrete, ad essere protagonisti di un dibattito sul lavoro pubblico, poiché trarremo spunto e prenderemo in considerazione ogni osservazione che ci invierete. Nella consapevolezza che i cambiamenti, quelli in cui ciascuno si riconosce, sono quelli che si costruiscono insieme, pezzo dopo pezzo e legge dopo legge.

Buona lettura a tutti. Ma soprattutto, buona partecipazione a questa avventura.

Massimo Battaglia

Linee guida rietro post covid

Altri articoli...

  1. Nota sintesi riforma Ciprini: riforma Titolo VI, ecco cosa cambia per il personale a contratto MAECI
  2. EMIGRAZIONE-NOTIZIE.ORG: IN SENATO APPROVATA LA LEGGE SU TUTELA DIRITTI DEGLI IMPIEGATI A CONTRATTO
  3. !!! APPROVAZIONE NORMA CIPRINI !!!
  4. Rappesentatività UNSA Esteri 2021
  5. On. Fitzgerald Nissoli: interrogazione a risposta scritta - diritto alla salute dei lavoratori del MAECI negli Usa
  6. USA – Rinnovo polizza sanitaria personale di ruolo e a contratto
  7. DETRAZIONI E ASSEGNI FAMILIARI EROGATI ALL’ESTERO
  8. On. Fitzgerald Nissoli: interrogazione parlamentare - diritto alla salute dei lavoratori del MAECI negli Usa
  9. Covid, Ricardo Merlo (Maie) scrive al ministro degli Esteri Di Maio: Vaccinare tutta la rete diplomatico-consolare italiana nel mondo GIOVEDÌ, 25 MARZO, 2021 IN ITALIANI ALL'ESTERO
  10. Comunicato stampa: prestazioni sanitarie personale USA

Pagina 5 di 253

PA Magazine

PAmagazineLogo

CONVENZIONI UNSA

Convenzioni Confsal Unsa

Unsa Esteri on Facebook

Area riservata agli iscritti

MANIFESTO DI ADESIONE AL COORDINAMENTO ESTERI DELLA CONFSAL UNSA
RASSEGNA STAMPA

YouTube Unsa channel

Who's Online

Abbiamo 50 visitatori e nessun utente online