Sergio Romagnoli Post Facebook

Roma, 13 Gen – Con il via libera in #commissioneLavoro del #Senato il disegno di legge, presentato dal
MoVimento 5 Stelle, prima firmataria la deputataTiziana Ciprini, di modifica dei rapporti di lavoro del personale diplomatico, degli uffici consolari e degli istituti di cultura, ha esaurito l’iter nei due rami del Parlamento ed è pronto per approdare in aula. Il parere positivo al testo da parte della Commissione, riunita in sede redigente, è arrivato a maggioranza dei presenti; astenuti Lega, Fdi e Fi.
 
“L’ok al testo – dice il senatore del MoVimento 5 StelleSergio Romagnoli relatore del ddl in Commissione – ci consente di modificare una disciplina che risale agli anni’70, uniformando la normativa prevista per il personale diplomatico, degli uffici consolari e degli istituti di cultura alle disposizioni più recenti, applicata in altri settori, anche alla luce delle modifiche intervenute col decreto Dignità ad esempio in tema di contratti di lavoro a tempo determinato”.
 
La presidente della commissione Lavoro del Senato, Susy Matrisciano aggiunge: “Mentre c’è chi si adopera per disfare, il lavoro nelle commissioni di merito prosegue non solo per valutare i provvedimenti straordinari adottati dal Governo in questa fase complicatissima per il Paese ma anche per portare avanti ‘l’ordinaria amministrazione’, rimarcando la centralità del Parlamento. L’ok a questo ddl del M5S, che ci auguriamo possa arrivare in tempi rapidi in Aula per il voto finale, lo dimostra”.
 
MoVimento 5 Stelle Senato

Impiegati a contratto regolati dalla Legge locale in Brasile:

Grazie alla lotta condotta dalla Confsal Unsa l’assicurazione sanitaria integrativa è ora realtà!

 

La Confsal Unsa ha condotto per anni una dura lotta, affinché il personale a contratto locale in Brasile ottenesse un’assistenza sanitaria integrativa - come in essere in molteplici altri Paesi - tenuto conto delle ben note e gravi carenze del sistema sanitario locale.

 

La pandemia da Covid 19 ha spinto ulteriormente il nostro Sindacato a premere con forza sull’acceleratore delle trattative con il MAECI per ottenere una copertura sanitaria adeguata ai tempi e paragonabile comunque a quella garantita dal nostro SSN, al fine di tutelare le vite e la salute dei dipendenti a contratto locale e dei loro familiari.

 

La trattativa ha avuto luogo sia a Roma sia a Brasilia. Le analisi, gli approfondimenti svolti e i documenti prodotti hanno fatto emergere al tavolo delle trattative l’improcrastinabile necessità di attivazione della copertura sanitaria integrativa in parallelo a quella attualmente in godimento offerta dal SUS locale, manifestamente insufficiente.

 

In questo contesto il nostro Sindacato si sente in obbligo di far giungere i propri ringraziamenti al nostro Ambasciatore a Brasilia, il quale, dinanzi ad una siffatta emergenza sanitaria,  ha accuratamente segnalato al MAECI le reali condizioni medico-sanitarie in essere, nonché la necessità di un intervento  risolutivo.

 

La politica, nella persona del Sottosegretario Ricardo Merlo, ha ulteriormente e definitivamente supportato tale nostra richiesta, evidenziandone l’assoluta necessità presso la DGRI.

 

Pertanto, essendo già state individuate tre compagnie d’assicurazione locali, si tratterà ora di eseguire una gara d’appalto a seguito della quale si potrà procedere alla copertura sanitaria degli impiegati locali sulla base delle necessità del nostro personale.

 

Siamo estremamente soddisfatti del risultato raggiunto che, in assenza della CONFSAL UNSA, non sarebbe mai stato realizzabile.

 

CONFSAL UNSA, il Sindacato che sta da sempre dalla parte dei lavoratori!!

 

Roma, 29.12.2020


CONFSAL UNSA COORDINAMENTO ESTERI

Comunicato stampa

UNSA ESTERI –PRESTO TRACOLLO RETE ESTERA MAECI, ALTRO CHE “PATTO PER L’EXPORT”, LE SEDI SONO SENZA LAVORATORI E QUEI POCHI CHE RESTANO SONO PRIVI DI DIRITTI

“La legge di bilancio per il 2021 è stata l’ennesima occasione persa per rimettere al proprio posto le cose – troppe - che non funzionano oltre confine, a partire dall’incremento dei fondi per il riadeguamento stipendiale degli impiegati assunti localmente e l’individuazione di percorsi ad hoc per facilitare l’accesso ai ruoli degli impiegati a contratto già operativi sull’estero e dunque disponibili a continuare a prestarvi servizio. Ma, come apprendiamo in queste ore, le proposte di buon senso sono state sciaguratamente respinte in Commissione Bilancio nel silenzio assordante di tutti i parlamentari e dell’Amministrazione”. Lo dichiara in una nota Iris Lauriola, Segretario Nazionale della CONFSAL UNSA ESTERI.

“E’ paradossale – continua Lauriola - che queste notizie arrivino proprio a poche ore dalla pubblicazione dei drammatici dati relativi alla lista di trasferimento - cosiddetta lista invernale - del personale di ruolo della Farnesina dalla quale emerge che, a fronte di una vacanza di circa 440 posti di AAFF sulla rete diplomatico-consolare, risultano essere stati assegnati soltanto 83 posti!!

Pertanto, al momento, abbiamo una copertura della lista “invernale” di circa il 18%, con sedi come quelle dell’America Latina, degli Usa e della Cina praticamente prive di impiegati di ruolo. E’ palese che il funzionamento delle sedi interessate è affidato ad una manciata di impiegati a contratto spremuti come limoni, e deprivati dei più basilari diritti sindacali”.

Lauriola evidenzia: “Come pensano il Ministro Di Maio ed il MAECI di fornire il sostegno alle imprese per favorire l’accesso ai mercati internazionali oppure di fornire supporto ai connazionali all’estero nonchè agli imprenditori specie in questa fase pandemica se non vi sono impiegati operativi nelle nostre sedi e se gli uffici restano scoperti, poiché privi di funzioni fondamentali come quelle dei contabili o dei tecnici?

Come pensa la Farnesina di poter competere nello scacchiere internazionale e sostenere il business se non vi sono più impiegati di ruolo disposti a trasferirsi in sedi strategiche, perché non sussistono condizioni tali da creare appeal per i nostri lavoratori del MAECI? E con quali criteri si pensa che sia possibile mandare avanti la “baracca” solo ed esclusivamente continuando a contare sul lavoro di un migliaio di impiegati a contratto, rimasti soli ad animare le nostre sedi, a cui si continua ad affidare incarichi di responsabilità che non competono loro, ma a negare tutto, dal diritto agli aumenti stipendiali previsti per legge e ignorati dall’Amministrazione, fino a giungere a quelli più basilari tipo quelli sindacali ?”.

“Chiediamo a gran voce al Ministro Di Maio di avere coraggio – spiega Lauriola - e di prestare attenzione a ciò che sta succedendo all’estero e a quali condizioni devono sottostare i nostri lavoratori a contratto costretti oramai a lavorare il quintuplo presso le sedi estere, perché i posti funzione della rete diplomatico-consolare vanno vacanti, mentre la riforma del titolo VI del dpr 18 del 67 e i correttivi stipendiali continuano ad essere rimandati”.

Lauriola conclude: ”Vorrei ricordare al Ministro che quella in atto è una guerra, e che le guerre non si vincono con i bei proclami e con pletore di generali, ma con un esercito di persone capaci e motivate. Se tuttavia l’esercito viene a mancare perché lo si continua a ridurre all’osso e lo si affama, non è poi così difficile presagire gli sviluppi di questa stagione pandemica e post-emergenziale per chi all’estero è alla ricerca di quei servizi istituzionali che solo la rete estera della Farnesina può garantire”.

Roma, 17.12.2020                                                         CONFSAL UNSA COORDINAMENTO ESTERI

Altri articoli...

  1. BILANCIO-MAECI - CONFSAL UNSA ESTERI: OLTRE AL “CORPO DIPLOMATICO” C’E’ DI PIU’
  2. DISEGNO DI LEGGE - N. 2790-bis -Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2021 e bilancio pluriennale per il triennio 2021-2023
  3. Comunicato n. 47: TAVOLO PERMANENTE COVID
  4. Accordo con la ASL n.1 per l'effettuazione di tamponi presso il Poliambulatorio del Ministero a favore del personale e loro familiari a partire da martedì 24 novembre p.v.
  5. LA CONFSAL UNSA CONTRO IL MAECI: SULLA GESTIONE DELL'EMERGENZA NELLA RETE ESTERA SE NE LAVA LE MANI
  6. Comunicato stampa - COVID - Promuovere rientro medici
  7. On. NISSOLI: interrogazione revisione retribuzioni impiegati a contratto MAECI
  8. On. NISSOLI: interrogazione rafforzamento rete estera MAECI
  9. FRD Personale a contratto (legge italiana) Ripartizione residui 2019
  10. Regolamento CE 883/2004: Interrogazione a risposta scritta n. 4-05986 On. Fitzgerald Nissoli

PA Magazine

PAmagazineLogo

CONVENZIONI UNSA

Convenzioni Confsal Unsa

Unsa Esteri on Facebook

Area riservata agli iscritti

MANIFESTO DI ADESIONE AL COORDINAMENTO ESTERI DELLA CONFSAL UNSA
RASSEGNA STAMPA

YouTube Unsa channel

Who's Online

Abbiamo 34 visitatori e nessun utente online